informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa NON scrivere nel CV? Gli errori da evitare

Commenti disabilitati su Cosa NON scrivere nel CV? Gli errori da evitare Studiare a Caserta

Cercare di fare una buona prima impressione può essere eccezionalmente difficile e, abbastanza spesso, i migliori candidati inciampano al primo ostacolo della ricerca di lavoro commettendo errori banali nel loro CV.

Il tuo CV deve essere perfetto se vuoi avere una possibilità di ottenere il lavoro per cui ti stai candidando. Un “CV perfetto” è quello che soddisfa tutte le esigenze richieste lasciando un’ottima prima impressione all’esaminatore. Un CV contenente anche il più piccolo errore, nel frattempo, può indicare una mancanza di attenzione ai dettagli e alla professionalità  – entrambe qualità molto ricercate dai datori di lavoro.

Abbiamo messo insieme un elenco delle insidie ​​più comuni e suggerimenti su come evitarle nel CV.

Errori di ortografia e cattiva grammatica

Una mancanza di attenzione ai dettagli potrebbe affossare il tuo CV altrimenti perfetto. Il controllo ortografico non sempre individua gli errori linguistici, poiché non è in grado di rilevare l’uso improprio di tempi verbali o di verbi non concordanti con il soggetti, quindi vale sempre la pena chiedere un’occhiata esterna che possa individuare gli ultimi errori. Leggere il CV ad alta voce può aiutare nell’individuare gli errori e nel rendere il testo più fluido e scorrevole.

Concentrarsi sui doveri piuttosto che sui risultati

Piuttosto che annoiare l’esaminatore con lunghe descrizioni delle tue mansioni, attira l’attenzione sui risultati. Pensa a campagne di successo, nuove procedure, aumenti delle vendite e al valore specifico che hai apportato nei tuoi ruoli attuali e precedenti.

Quantificare i tuoi risultati con numeri mostra ai responsabili delle assunzioni quanto sei bravo in quello che fai, e può essere proprio quest’aspetto a farti avere un riscontro positivo. Tuttavia, non tutti le mansioni hanno risultati misurabili, ma puoi portare degli esempi pratici in cui hai influenzato positivamente la tua sfera lavorativa coi quali puoi stupire il tuo nuovo datore di lavoro.

Formato scadente

A meno che tu non stia cercando un ruolo come web designer, il tuo CV non dovrebbe essere un’opera d’arte. Certo, Great Vibes è un bellissimo font, ma ci sono due problemi con l’utilizzo di caratteri insoliti come questo nel tuo CV: uno, può essere difficile da leggere e, due, non è supportato su tutti i software di elaborazione testi.

A proposito di caratteri, evita di utilizzare più di due diversi stili di carattere nel tuo CV e mantieni la dimensione del carattere tra 10pt e 12pt. Detto questo, i titoli delle sezioni possono essere grandi fino a 16pt e il tuo nome nella parte superiore del documento può essere grande fino a 22pt.

Un carattere sofisticato su un design pulito è tutto ciò di cui hai bisogno. Assicurati che sia facile da leggere sullo schermo (anche da mobile) e che sia salvato come file riconosciuto che possa essere aperto come allegato e-mail, come ad esempio un documento Word o PDF.

Inserire cliché

Il tuo CV è pieno di cliché privi di significato e di frasi abusate come “apprendo velocemente” e “lavoratore infaticabile”? In tal caso, dovrai rimuoverli e offrire invece esempi che dimostrino quanto tu possa essere un impiegato veloce e un gran lavoratore.

Questi tipi di frasi sono anche molto abusati in generale, quindi hanno perso la maggior parte del loro significato. L’unica eccezione è se un annuncio di lavoro menziona specificamente una di queste frasi. In tal caso, dovresti includerle.

Presentarsi come “tuttofare”

Assicurati di adattare il tuo CV a ogni ruolo per cui ti candidi. Elenca abilità, responsabilità e risultati che sono specificamente correlati soltanto a quel lavoro. Evita l’approccio “taglia unica” e adattati alle esigenze specifiche dell’azienda per la quale ti candidi.

In altre parole, semplicemente non puoi permetterti di non adattare il tuo CV al lavoro per cui ti stai candidando. In questo modo, mostrerai al responsabile delle assunzioni che la tua esperienza e le tue qualifiche corrispondono ai requisiti del lavoro.

L’unico momento in cui va bene usare un CV generico è quando non sei in grado di adattarlo a un lavoro specifico, come quando carichi il tuo CV su un database online. Anche in questo caso, tuttavia, dovrebbe comunque mirare a parole chiave specifiche correlate alla tua professione e al tuo settore.

Divario occupazionale

l divario tra lavoro e disoccupazione può essere visto in modo negativo. Tuttavia, questi periodi possono essere messi a frutto per specializzarsi e sviluppare abilità trasferibili chiave. Raggruppare ruoli simili sotto titoli come “freelance” o “formazione” e indicare lunghi periodi di viaggio è molto meglio che lasciare spazi vuoti.

Non importa quanto tu voglia il lavoro, non va mai bene mentire sul tuo CV, che si tratti di esagerare le tue qualifiche, allungare le date di lavoro o fabbricare completamente una posizione che non hai mai ricoperto. La verità ha l’abitudine di venire alla luce alla fine, mettendo a rischio non sono la tua integrità e credibilità, ma anche il tuo stesso lavoro. 

E ricorda: il tuo CV non dovrebbe essere un romanzo. Se il datore di lavoro non è convinto dopo due pagine, è probabile che non sarà persuaso nemmeno nelle successive quattro. Sii conciso e ricorda che meno è spesso di più.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali