informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

La magistrale è più difficile della triennale? Cosa sapere prima di iscriverti

Commenti disabilitati su La magistrale è più difficile della triennale? Cosa sapere prima di iscriverti Studiare a Caserta

Al termine della triennale, molti studenti si ritrovano a fronteggiare un bagaglio di incertezze legate alla direzione che dovranno intraprendere. Conviene proseguire con la specialistica? E, soprattutto, sarà molto più difficile? In questo articolo risponderemo a queste domande, tenendo in considerazione le opinioni espresse dagli studenti online.

Triennale VS. Magistrale, qual è la più complessa?

Da un punto di vista oggettivo, se si prende in considerazione la mole di studio e il livello di difficoltà di contenuti, certamente la magistrale presenta delle sfide aggiuntive per lo studente.

In triennale gli esami sono più facili e partono da zero, dovendo fornire delle base solide alla specialistica. Quelli in magistrale sono estremamente più difficili e si basano molto su conoscenze acquisite in esami precedenti. Dunque, la difficoltà “percepita” dipende soprattutto da come si è affrontato il triennio e dal fatto di aver sviluppato o meno un solido metodo di studio.

D’altra parte, è anche vero che, durante la specialistica, ormai si conoscono i professori e le modalità d’esame, per cui decade il fattore “novità” che può rendere tutto più difficile e stressante per una matricola. L’esperienza permette inoltre di gestire meglio il carico di studio e dunque rispettare i tempi.

Da questo punto di vista, molti studenti ritengono che la magistrale sia in discesa, dal momento che durante la triennale si conosce poco o nulla della materia e bisogna trovare un nuovo equilibrio rispetto al liceo.

Non tutti gli atenei sono uguali: i programmi universitari non sono ministeriali, l’esame A nell’ateneo B può benissimo avere la metà del programma dell’esame A nell’ateneo C. Chiarito questo, dobbiamo considerare che il grado di difficoltà varia anche da ateneo ad ateneo.

Dopo la triennale: fermarsi o proseguire?

Alcuni sostengono che fermarsi alla triennale abbia poco senso, perché difficilmente spendibile ai fini lavorativi, e che l’iscrizione alla specialistica sia il naturale perfezionamento della triennale. Altri invece si fermano sulla posizione opposta, ritenendo che la triennale sia una qualifica sufficiente per cominciare a lavorare. Detto questo, conviene fermarsi alla triennale o vale la pena proseguire con la specialistica?

Dipende da due fattori. Primo su tutti, lo sbocco lavorativo desiderato. Ci sono alcune professioni per le quali è sufficiente la sola laurea triennale, mentre altre per le quali è caldamente consigliata la specialistica.

È il caso delle professioni sanitarie, in cui è sufficiente il titolo triennale per iniziare a lavorare, sebbene le prospettive professionali possano ampliarsi con la specializzazione. Oppure delle lauree triennali dell’ambito sociale, che consentono di accedere all’esame di Stato per assistente sociale. Anche le triennali del settore economico, giuridico e politologico possono dare un immediato sbocco nel mondo del lavoro, soprattutto privato.

È anche vero che l’istruzione post-triennale non si limita alla sola specialistica ma vi sono anche corsi professionalizzanti e master di primo livello che integrano gli studi con l’acquisizione pratica di conoscenze, competenze e abilità necessarie per immettersi immediatamente nel mondo del lavoro. Prima di fare una scelta si consiglia di reperire informazioni accademiche sul percorso da seguire in base alla professione desiderata.

In secondo luogo, è innegabile che la magistrale permetta di avere una marcia in più nella ricerca di un lavoro, perché rende più competitivi agli occhi dei recruiter. Facciamo l’esempio delle professioni regolamentate in un albo professionale: negli albi è spesso presente la distinzione tra la Sezione A (dedicata a chi è in possesso di una laurea magistrale) e la Sezione B (per chi è in possesso della sola triennale). Il professionista in possesso della sola triennale presenta un titolo di studio più “limitato” rispetto a quello iscritto nella Sezione A.

Nel mondo del lavoro altrettanto importante è sapersi vendere bene e avere un pizzico di intraprendenza, a prescindere dal tipo di laurea conseguita, ma ovviamente le competenze acquisite durante un biennio non sono paragonabili a quelle acquisite nella sola triennale.

La magistrale resta comunque indispensabile per intraprendere determinate carriere, come quella dell’insegnante o dello psicologo. Qui la sola triennale non basta, e spesso non è sufficiente per trovare un qualsiasi altro lavoro. Inoltre, le posizioni dirigenziali all’interno delle aziende sono in prevalenza destinate a coloro che sono in possesso di una Laurea Specialistica Magistrale, come anche i concorsi pubblici per le posizioni più importanti.

Dunque, la decisione se proseguire o meno con la specialistica dipende dalle inclinazioni personali e dalle aspirazioni professionali. Se hai conseguito la magistrale e vuoi lanciarti subito nel mondo del lavoro, senza per questo rinunciare ad affinare le tue competenze, i corsi di laurea magistrale a Caserta ti consentono di conciliare entrambe le cose, senza dover sacrificare nulla. Le lezioni sono disponibili sulla piattaforma online e possono essere seguite in qualsiasi momento della giornata e da qualsiasi dispositivo.

Se desideri ulteriori informazioni non esitare a compilare il form qui presente: i nostri specialisti dell’orientamento ti ricontatteranno senza impegno.

Credits: [AllaSerebrina]/DepositPhotos.com

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali