informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa si Studia al Master in Criminologia e Sicurezza del Mondo Contemporaneo

Commenti disabilitati su Cosa si Studia al Master in Criminologia e Sicurezza del Mondo Contemporaneo Studiare a Caserta

Nell’anno accademico 2016 – 2017 l’Università Telematica Niccolò Cusano ha istituito un nuovo master volto a formare professionisti in grado di muoversi contro gli atteggiamenti devianti, criminali e in grado di contribuire alla promozione di una cultura democratica del controllo sociale.

Si tratta di un percorso di studi alla quale Unicusano tiene molto, soprattutto in vista dei recenti accadimenti terroristici che continuano a seminare paura e pericolo nelle culture di tutto il mondo.

Con il Master in Criminologia e Sicurezza nel Mondo Contemporaneo, che Unicusano ha istituito anche a Caserta, si vogliono fornire mezzi e conoscenze specifiche per agire contro i fenomeni criminali che mettono in pericolo la sicurezza dei cittadini.

La criminologia: uno sguardo al fenomeno

Per capire cosa si studia al master in criminologia è essenziale prima definire l’oggetto del master, il concetto attorno a cui ruota tutto il percorso accademico.

La criminologa italiana Gemma Marotta definisce la criminologia come “lo studio scientifico della criminalità, del delinquente e del comportamento criminale”.

Da questa definizione si possono estrapolare tre elementi importanti:

  1. lo studio scientifico;
  2. la figura del delinquente;
  3. il comportamento criminale.

Se, dunque, la criminologia è uno studio scientifico, allora vuol dire che per approcciarsi a tale fenomeno c’è bisogno del requisito minimo della scienza: l’obiettività.

La criminologia è uno studio obiettivo di un fenomeno, che si basa su dati e analisi attente e in cui gli stati emotivi del criminologo non possono entrare. Il criminologo, infatti, ha un carattere molto forte che gli permette di tenere duro e di vedere le cose con lucidità anche di fronte a situazioni cruente e stragi.

Il secondo e il terzo elemento, rispettivamente la figura del delinquente e il comportamento criminale, sono strettamente legati. Per spiegarli si può far riferimento al campo di studi proprio della sociologia della devianza.

La devianza può essere definita come quell’incapacità di un soggetto di adattarsi alle norme etiche di una società da cui derivano i comportamenti devianti, non conformi al buon senso e al rispetto dell’altro.

Nel campo della criminologia il crimine è, perciò, la forma più grave di comportamento deviante. Proprio per questo motivo studiare criminologia a Caserta vuol dire conoscere la devianza e i comportamenti devianti. Muoversi nel campo della sociologia, è dunque un passo fondamentale per capire il crimine e per intervenire nella sua prevenzione.

Detto ciò, cerchiamo ora di capire quali sono gli insegnamenti di criminologia affrontati in questo particolare percorso di studi che ha come specificità la sicurezza sociale.

Le materie del master in criminologia

Il percorso del master si articola su 19 diversi moduli e un esame finale. All’interno di questi moduli si articolano sia materie di criminologia generale, sia materie specifiche e proprie di questo percorso.

Per le materie generali segnaliamo la lettura del post sul perché fare un master in criminologia a Caserta. Qui concentreremo la nostra attenzione su insegnamenti specifici.

In particolare analizzeremo:

  • la sociologia della sicurezza urbana;
  • i reati contro l’ambiente;
  • le tecniche investigative;
  • le teorie e i metodi di identificazione della menzogna;
  • lo stalking;
  • la criminalità informatica.

La sociologia della sicurezza urbana

Il tema della sicurezza nelle città è oggi molto dibattuta e al centro di discorsi politici, media e opinione pubblica. Una buona definizione di sicurezza urbana ci viene fornita dal “decreto sicurezza” approvato dalla Camera dei Deputati.

Si tratta di un bene pubblico che riguarda dalla viabilità al decoro delle città. La sicurezza passa anche da questi aspetti ai quali contribuiscono non solo i cittadini ma anche gli enti territoriali attraverso attività di riqualificazione di aree degradate.

Pensiamo a come dai quartieri più sciatti e più malfamati derivano la maggior parte dei crimini: spaccio, truffe, minacce, rapine. Ecco come, dunque, il concetto di sicurezza si collega con quello di urbanizzazione.

I reati contro l’ambiente

Se la sicurezza è collegata al concetto di urbanizzazione non si può non considerare anche quello di ambiente. Molti dei reati commessi oggi, oltre che contro le persone fisiche, vengono commessi ai danni dell’ambiente. Basti pensare alle rivoluzioni dei black block durante le manifestazioni o agli incendi che d’estate colpiscono molte zone d’Italia.

Proteggere l’ambiente vuol dire proteggere la natura, i raccolti e quindi proteggere le persone. E ancora proteggere l’ambiente vuol dire proteggere case, uffici, mezzi di trasporto pubblico e quindi proteggerei i cittadini.

Il master sulla sicurezza, quindi, tratterà proprio di queste dinamiche ambientali e di reati contro l’ambiente in modo che la sicurezza possa pervadere tutti i luoghi in cui l’uomo vive. Il binomio criminologia e sicurezza ambientale accompagnerà lo studente durante tutto il percorso.

materie master criminologiaLe tecniche investigative

Quello delle tecniche investigative è un insegnamento molto importante in questo campo. Infatti Criminologia e tecniche investigative sono due cose collegate fra loro.

Per capire il fenomeno criminale c’è bisogno di indagare, di analizzare e cercare di capire come è stato commesso un determinato crimine. A titolo di esempio possiamo citare due tipi di investigazione:

  • quella preventiva;
  • quella inquirente.

La preventiva è quella che viene condotta fuori dai processi e dalle aule di giustizia. Si tratta di quel tipo di investigazione volta alla ricostruzione di fatti e avvenimenti. Quella inquirente, invece, è quella effettuata dagli organi giudiziari durante i processi penali e dunque difronte alla legge.

Le teorie e i metodi di identificazione della menzogna

Durante un’investigazione per capire quando l’indagato. o la persona che si ha difronte, mente oppure dice la verità, c’è bisogno di capacità particolari.

Certe volte risulta abbastanza semplice ed immediato capire se qualcuno mente, altre volte risulta molto difficile. Può capitare di avere davanti una persona molto brava a mentire, in grado di nascondere la verità con maestranza. In questi casi c’è bisogno di capacità tali per identificare la menzogna non tanto per incolpare o accusare, ma per capire, quale pista percorrere durante la fase di investigazione.

Abbiamo detto che nel campo della criminologia le tecniche di investigazione sono molto importanti ecco perché essere in grado di identificare il falso risulta molto importante per la criminologia.

Durante il master si apprenderanno, dunque, le teorie e le tecniche per capire quando qualcuno non dice la verità al fine di svolgere meglio il proprio lavoro da criminologo.

Lo stalking

Diversamente nominato come atto persecutorio, lo stalking evidenzia un’attività criminale che una persona (lo stalker) svolge ai danni di un’altra provocando in quest’ultima ansia, paura e portandola a modificare le proprie abitudini di vita.

In particolare si tratta di attività come:

  • minacce;
  • spionaggio;
  • molestie;
  • contatti eccessivi.

Se la “vittima” del reato teme per la sua incolumità, vive in uno stato di ansia e di paura per sé e per i propri cari oppure altera le proprie abitudini allora si consuma il reato di atti persecutori.

Tale fenomeno sta prendendo notevolmente piede nelle società moderne soprattutto a fronte della diffusione di internet e del web. Sono sempre più i casi di stalking ai danni di minori, di donne in gravidanza che avvengono tramite i mezzi di comunicazione.

La sicurezza delle persone non può non confrontarsi con queste dinamiche. Da qui l’importanza di conoscere a fondo il funzionamento dei mezzi di comunicazione e il loro utilizzo comune per atti devianti e pericolosi.

insegnamenti criminologiaLa criminalità informatica

L’ultimo degli insegnamenti di criminologia che analizziamo è quello della criminalità informatica.

Lo stalking è solo una forma di crimine informatico: oggi dobbiamo fare i conti con fenomeni come il cyber bullismo e le trappole dei social media.

Il bullismo online è sempre più diffuso e lo dimostra la sentenza della Corte di Cassazione sul Caso Google – Vividown. Molti bambini e ragazzi vengono continuamente insultati e messi in ridicolo su internet da parte dei propri coetanei.

A fronte di questi atti devianti molti ragazzi vivono in stati di angoscia, paura e tristezza che li porta, sin dalla giovane età, a modificare la propria vita con danni spesso irreparabili.

E ancora sui social media oggi la sicurezza delle persone viene messa in pericolo. Basta far riferimento alle tematiche della privacy e delle notizie false che portano a preoccuparsi per cose inutili e quindi a vivere in uno stato d’angoscia ingiustificato.

Queste, in breve, alcune delle materie che verranno affrontate al master in criminologi a e sicurezza di Unicusano. Per maggiori informazioni visita il sito dell’ateneo oppure compila il modulo di richiesta informazioni per avere supporto su tutto ciò che riguarda il master.

Il master è erogato tutto per via telematica e potrai frequentare le lezioni comodamente da casa senza spostamenti. Ti basta un personal computer ed una connessione internet e potrai accedere alla piattaforma di e-learning in qualsiasi momento.

Ti aspettiamo!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali