informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Psicologia Del Lavoro e Delle Organizzazioni: La Specialistica

Commenti disabilitati su Psicologia Del Lavoro e Delle Organizzazioni: La Specialistica Studiare a Caserta

Con l’avvento della macchina a vapore e dell’industrializzazione in generale, all’interno delle fabbriche si viene a creare un clima particolare che coinvolge tutti i membri.

Per fare in modo che i prodotti raggiungessero la più vasta quantità di consumatori si effettuano numerosi studi su come aumentare la produttività degli operai. I cosiddetti fordismo e taylorismo (rispettivamente da Ford e Taylor) sono gli esempi lampanti della rivoluzione scientifica del lavoro e cioè di come l’ottimizzazione dei processi lavorativi si trovava alla base della filosofia aziendale.

Questi due esempi sono alcuni dei più famosi casi di psicologia del lavoro e delle organizzazioni: in pratica si cercava di eliminare i movimenti superflui degli operai così da velocizzare il lavoro e produrre di più. Allora l’obiettivo delle aziende era vendere tanto e indistintamente, non vi erano logiche di mercato come quelle di nicchia e specializzazione.

Tali dinamiche son ben raccontare nel film “Tempi Moderni” di Charlie Chaplin. Il regista mostra scene in cui si cronometrano le azioni degli operai cercando il miglior tempo possibile.

Altro esempio per chiarire meglio di cosa si occupa lo psicologo del lavoro è il caso (o effetto) Hawthorne di uno stabilimento della Western Electric. In quella fabbrica lo psicologo Elton Mayo svolse le sue ricerche mettendo in evidenza che esiste un rapporto tra le relazioni fra gli operai e la produttività del lavoro.

In particolare Mayo evidenziò che le persone, mentre svolgono il proprio lavoro, sono influenzate da:

  • i legami con gli altri lavoratori;
  • dalla forza del gruppo nel quale si trova lavorare;
  • dall’ambiente di lavoro in generale.

Grazie agli studi di Mayo si evidenziò che il lavoratore, a differenza della rivoluzione scientifica del lavoro descritta in precedenza, non è una macchina ma piuttosto trattarlo come se lo fosse porterebbe solo effetti negativi. Si legittimano, così, le emozioni e gli impulsi delle persone all’interno dell’ambiente di lavoro e si riconosce che queste condizionano la produttività del singolo.

Che cos’è la psicologia del lavoro

Aperta e chiusa questa piccola parentesi sugli studi psicologici in ambito lavorativo, possiamo delineare meglio cosa studia la psicologia del lavoro. Si tratta di un particolare ramo della psicologia i cui studi vengono usati spesso anche nella sociologia e che consistono nell’analizzare i comportamenti dei lavoratori nel contesto in cui svolgono il proprio lavoro.

Proprio per quanto detto a inizio articolo, la psicologia del lavoro e delle organizzazioni svolge i propri studi per due ragioni fondamentali:

  1. aiutare i lavoratori a svolgere al meglio il proprio lavoro;
  2. migliorare i rapporti fra i lavoratori (visto che è stato dimostrato che questi condizionano le prestazioni).

Ecco, in estrema sintesi, dove trova applicazione la psicologia del lavoro e come interviene per aiutare le imprese. Ora vediamo come tale campo di studi si sostanzia in un corso di laurea specialistico in psicologia del lavoro e delle organizzazioni a Caserta di Unicusano che si svolge interamente per via telematica.

Il corso di laurea

Il corso di laurea magistrale si articola su due anni ai quali possono accedervi tutti coloro che hanno conseguito una triennale in psicologia o in corsi affini.

Si studieranno materie come:

  • neuropsicologia;
  • psicologia dei processi mnestici e motivazionali;
  • organizzazione aziendale;
  • psicologia dei gruppi;
  • psicologia organizzativa;
  • tecniche di ricerca e analisi dei dati.

Il tutto per fare in modo che lo studente riesca a sviluppare le proprie conoscenze su tutte le dinamiche lavorative (come motivazione, emozioni, atteggiamenti e comportamenti).

Inoltre lo studente, a partire dal secondo anno del corso, dovrà svolgere un tirocinio formativo della durata di 150 ore per un totale di 6 CFU (Crediti Formativi Universitari) ossia 25 ore per ogni credito.

Sbocchi per psicologia del lavoro

Come avrai già in parte capito, lo psicologo del lavoro svolge le sue attività all’interno di imprese e organizzazioni siano esse pubbliche che private.

Inoltre si può:

  • svolgere l’attività di psicoterapeuta, ma solo dopo aver conseguito il diploma della scuola di specializzazione;
  • svolgere la propria attività in cooperative e associazioni che erogano servizi residenziali e semiresidenziali;
  • lavorare in enti pubblici, istituzioni e istituti educativi, sanitari e militari.

L’obiettivo del lavoro è, come già detto, quello di promuovere i climi e le culture organizzative cercando di migliorare lo stato di salute lavorativa delle persone in correlazione con la produttività.

Se sei interessato al corso di laurea in psicologia del lavoro e delle organizzazioni contattaci compilando il form che trovi sulla destra. Inserendo i tuoi dati avrai un spazio per poter formulare le tue domande alle quali risponderemo il prima possibile.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali