informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Il vino biologico: cos’è e qual è il suo mercato

Commenti disabilitati su Il vino biologico: cos’è e qual è il suo mercato Studiare a Caserta

Il biologico in Italia è un settore in crescita, nonostante la crisi. Nel 2015 il giro di affari del bio ha superato i 2,1 miliardi di euro solo nel canale domestico.
Il trend positivo continua anche nel 2016 con la crescita di operatori del servizio e consumi delle famiglie, secondo i dati raccolti dalla Sinab.

Si registra un +20,6%, nel primo semestre del 2016, rispetto allo stesso dell’anno precedente, nella vendita di prodotti bio nella GDO. L’offerta bio tra gli scaffali è quasi quadruplicata a partire dal 2011, passando da 600 a 2.300 referenze; crescita dovuta all’ampliamento delle linee di prodotti delle marche già presenti sul mercato e alla nascita di nuove catene.
Gli operatori, ossia produttori, trasformatori e importatori, crescono del +8% rispetto al 2015.

La superficie coltivata in maniera biologica, in Italia a dicembre 2015, era pari a 1.492.579 ettari, un +7% rispetto all’anno precedente.

Tra i diversi prodotti biologici di maggior successo sicuramente il vino.
Il biologico nell’ambito vinicolo non può più essere considerato una nicchia ma una realtà consolidata con ben 83.642 ettari, +16% registrato il primo gennaio 2016 rispetto all’anno precedente, convertiti in vigneti biologici dai viticoltori.

Parlando di vino biologico è importante fare alcune precisazioni.

Vino biologico, biodinamico e naturale

Si parla sempre in maniera un po’ generale e indistinta del vino biologico. In realtà in base alle modalità di produzione è possibili distinguere il vino in: biologico, biodinamico e naturale.

Vino biologico

Il vino biologico è un prodotto ottenuto da un metodo di coltivazione che segue le norme presenti nel Regolamento 203/2012.
La normativa del vino biologico stabilisce le modalità di vitivinificazione, precedentemente approvate dal Comitato permanente per l’agricoltura biologica e dallo Standing Committee on Organic Farming.

Il regolamento stabilisce che si possono usare circa la metà dei coadiuvanti utilizzati per la produzione di vino.
La quantità di solfiti è il fulcro centrale del regolamento, questa è stata fissata a:

  • 100mg/l per i vini biologici rossi secchi;
  • 150mg/l per i vini biologici bianchi secchi.

È veramente possibile definire un vino come biologico se:

  • nei vigneti si producono uve biologiche, quindi coltivate senza l’uso di concimi, diserbanti, insetticidi, anticrittogamici e pesticidi;
  • nelle cantine la vinificazione è eseguita con i prodotti e secondo i processi definiti dall’allegato VIII bis del regolamento 203/2012.

Naturalmente la produzione vitivinicola biologica deve essere certificata e una volta appurata la normativa presenta la possibilità di utilizzare il logo europeo sull’etichetta dei prodotti.

Vino biodinamico

I vini biodinamici sono quelli prodotti secondo le modalità elaborate dall’austriaco Rudolf Steiner durante gli anni ‘20 del secolo scorso.

I principi alla base dell’agricoltura biodinamica sono:

  • mantenere la terra fertile, mediante il rilascio in essa di materie nutritive;
  • rendere le piante sane per resistere ai parassiti e alle malattie;
  • ottenere prodotti di alta qualità, il più possibile.

La lavorazione dei vini biodinamici prende le mosse da quella per i vini biologici ma segue norme ancora più restrittive, in particolare per la fase di lavorazione nella cantine.
Non devono essere utilizzati enzimi, batteri, additivi aromatici e inoltre non si può far ricorso ai processi di chiarificazione, acidificazione e superconcentrazione.

Vino naturale

Non esiste una definizione unica di vino naturale, inoltre quando si parla di vini naturali si può far riferimento anche ai vini biologici e biodinamici.

I vini naturali sono il risultato di una produzione priva di prodotti chimici di sintesi e pratiche enologiche invasive, ma che non rientra nelle certificazioni, come quella del vino biologico.
L’idea alla base di tale approccio è il rispetto dei cicli della natura e la produzione appunto di prodotti naturali.

L’esportazione del vino biologica

Come abbiamo già visto il settore del biologico è in continua e costante ascesa in Italia, ma tale fenomeno si riscontra anche all’estero, soprattutto per quanto riguarda il vino.
Nel 2015 l’export di vino biologico è cresciuto del +38% rispetto al +5% del vino non biologico.

Il marchio biologico è considerato un segno distintivo che permette ai prodotti, in questo caso il vino, che rientrano in tale categoria, di avere un grande successo.
Naturalmente il riconoscimento di un marchio, come quello del bio, è solo uno degli elementi in una strategia volta all’esportazione dei propri prodotti.

Posizionarsi e avere successo sui mercati esteri richiede analisi e valutazioni dei rischi, e la figura preposta a fare ciò, in una azienda, è l’export manager, nel nostro caso l’export wine manager.

Questa è una figura deve avere competenze non solo nell’ambito dell’internazionalizzazione delle imprese ma anche conoscenze relative alla specificità del settore vinicolo.
Proprio per questo l’Unicusano attiva un master online in export wine management.

Se sei un operatore del settore interessato all’internazionalizzazione della tua impresa o un giovane laureato, affascinato dal settore vinicolo, consulta l’offerta del master nel sito unicusano o contattaci allo 06.456783.63. Saremo lieti di offrirti tutte le informazioni necessarie per intraprendere questo percorso di formazione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali