informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare assessore: studi e competenze necessarie

Commenti disabilitati su Come diventare assessore: studi e competenze necessarie Studiare a Caserta

Sei un appassionato di politica e vorresti scoprire come diventare assessore?

Ricoprire questa carica o quella di Consigliere nel tuo Comune, può essere un buon inizio per intraprendere una carriera politica di alto livello.

Quale migliore palestra per un amministratore, che quella di guidare un assessorato locale?

Iniziando ad occuparti di governance e managment a questo livello, un giorno magari potrai essere tra i nuovi assessori regionali della Campania. O della tua regione di origine, qualsiasi essa sia. E poi chissà, se sarai bravo potrai anche diventare Ministro.

Se non sai come fare a perseguire questo sogno, non preoccuparti. In questo momento stai leggendo l’articolo giusto.

Perché in questa guida ti daremo tutte le informazioni utili, inerenti la professione politica.

Iniziamo subito, buona lettura.

Come si diventa Consigliere Comunale o Assessore

“La politica è la forma più alta di carità”, diceva Paolo VI. Ecco perché la politica, in senso lato, presuppone l’esistenza di una certa etica. Focalizzata sulla tutela della cosa pubblica e sul perseguimento del bene comune. Necessità quindi di un costante impegno civile. Sotto forma di militanza, cittadinanza attiva o adesione ad una determinata visione della società. Pur mantenendo una propria autonomia di pensiero e capacità critica. Ma non solo. Tra i requisiti Consigliere Comunale e Assessore, occorre aggiungere anche una formazione e delle competenze adeguate a ricoprire un ruolo all’interno degli organi politici comunali, regionali o nazionali.

Organi comunali e loro funzioni

Gli organi di governo di un Comune sono:

  1. Il Consiglio Comunale, composta dai consiglieri di maggioranza e di minoranza eletti dai cittadini;
  2. La Giunta, formata dal Sindaco eletto dai cittadini e dagli assessori comunali da esso nominati.

Generalmente i membri del Consiglio, a loro volta, eleggono tra loro un Presidente. Non fa eccezione il Comune di Caserta.

Mentre, in alcuni ordinamenti, esso è presediuto direttamente dal Primo Cittadino. In altri ancora, questi ne è membro, ma non lo presiede.

È importante aver chiaro per ogni consigliere comunale diritti e doveri.

Ovvero che il Consiglio Comunale rappresenta l’intera comunità. Per questo è dotato di autonomia organizzativa e funzionale. Esso delibera l’indirizzo politico-amministrativo ed esercita il controllo sulla sua applicazione.

Quali sono quindi le funzioni della Giunta Comunale e degli assessori?

  1. L’esecuzione degli indirizzi generali di cui sopra;
  2. Operare attraverso deliberazioni collegiali;
  3. Compiere tutti gli atti rientranti nelle funzioni degli organi di governo, che non siano prerogativa riservata dalla legge unicamente al Consiglio. al Sindaco o ad organi di decentramento;
  4. Riferisce annualmente al Consiglio sulla propria attività;
  5. Svolge attività propositive e di impulso nei confronti del Consiglio;
  6. Adotta e applica i regolamenti sull’ordinamento degli uffici e dei servizi. Seguendo i criteri generali stabiliti dal Consiglio.

Solitamente ogni membro della Giunta riceve una o più deleghe. Relative a rami specifici di intervento o interesse per l’Amministrazione.

Ad esempio:

  1. Assessore al Lavoro;
  2. Assessorato Istruzione;
  3. Politiche Sociali;
  4. Bilancio;
  5. Personale, Lavori Pubblici, Cimiteri, Protezione Civile, Animali;
  6. Cultura, Pubblica Istruzione;
  7. Sviluppo produttivo;
  8. Patrimonio, Edilizia scolastica, Urbanistica, Manutenzioni, Ambiente;
  9. Politiche Comunitarie, Affari Generali, Innovazione;
  10. Accoglienza e immigrazione, servizi demografici e rapporti con il cittadino;
  11. Sport, Turismo, Spettacolo.

Uno schema simile può essere adottato anche per nominare un qualsiasi assessore provinciale o per la definizione di un assessorato regionale.

Cosa serve per fare il Consigliere Comunale o l’Assessore

carriera politicaDopo aver spiegato cos’è la Giunta Comunale e di cosa si occupa, non rimane che capire come diventare assessore per farne parte.

Iniziamo col dire che, a differenza del Sindaco e dei Consiglieri Comunali, che vengono eletti direttamente dalla cittadinanza attraverso le elezioni, gli assessori vengono nominati.

Trattandosi però di un ruolo delicato, di fiducia del Sindaco o del Presidente di Regione di turno e via dicendo, occorre avere delle qualità morali e delle conoscenze specifiche nel settore di competenza. Quantomeno se si vuole svolgere bene la propria funzione e portarla avanti nel tempo.

Ad esempio bisogna sapere come leggere un bilancio comunale, come funziona la macchina amministrativa, avere delle idee innovative e sapere come realizzarle.

Non basta avere voti e consenso popolare iniziale, anche se certamente aiuta e nobilita, ma occorre allo stesso tempo avere delle competenze spendibili da mettere a disposizione degli altri.

Per questo non hai bisogno di sapere dove inviare CV, ma ti serve certamente una formazione efficace. E la soluzione ideale può essere iscriverti ad un corso online o ad un master universitario attinente. In grado di darti quel qualcosa in più.

Cosa studiare per essere un buon assessore

Vuoi trovare il corso adatto alle tue esigenze, in grado di aiutarti a farti capire come diventare assessore e a svolgere bene il tuo mandato?

La laurea più attinente è senza dubbio quella in Scienze Politiche.

Per quanto riguarda invece i master, ecco i nostri consigli (clicca sui nomi dei corsi maggiori info):

  1. Political Marketing. Master che ha l’obiettivo di sviluppare competenze e professionalità legate al settore del marketing applicato alla politica. L’ideale se come assessore vuoi occuparti di relazioni istituzionali, innovazione, sviluppo o comunicazione;
  2. Fare politica etica. Perfetto se quello che ti interessa non è solo a quanto ammonta lo stipendio assessore comunale. Se vuoi avere le consocenze necessarie per mantenere una condotta impeccabile nell’esercizio delle tue funzioni. Dai principi costituzionali, ai rapporti con l’U.E. Questo master ti aiuterà ad attuare e far rispettare i giusti modelli comportamentali, i Codici etici, la deontologia e la trasparenza negli uffici pubblici. Saprai sempre come comportarti, dinanzi ad ogni situazione;
  3. Gestione degli appalti pubblici. Questo corso ti permetterà di acquisire il know-how necessario nel settore della gestione degli appalti pubblici;
  4. Strategie di innovazione nella P.A. Come puoi intuire, è il master adatto a te se vuoi capire come diventare assessore all’innovazione pubblica;
  5. Governance e management. Si propone di formare figure in grado di aiutare le amministrazioni a risolvere le proprie lacune nel campo della progettazione e della gestione di politiche pubbliche. Pensa quanto potresti essere utile da assessore esperto in materia;
  6. Responsabilità amministrativa. Mira a formare professionisti e politici altamente specializzati nel settore della responsabilità giuridica e disciplinare delle amministrazioni pubbliche. Insomma: scoprirai come diventare assessore indispensabile.
  7. Diritto amministrativo. Corso che rivolge particolare attenzione ai rapporti tra pubblica amministrazione e giurisdizione del giudice ordinario.
  8. Risorse umane. Se ti sei chiesto come diventare assessore al personale, la risposta la troverai in questo master.

Hai già scelto il corso migliore per diventare assessore?

Adesso hai le idee più chiare su come diventare assessore?

Se hai pensi di avere troppi impegni, oppure hai da poco iniziato un mandato assessoriale e vorresti migliorarti nell’arco della legislatura in corso, esiste una soluzione speciale per te.

Si tratta dell’offerta formativa dei corsi di Laurea e dei Master Unicusano. Perché, oltre ad essere contraddistinti dalla qualità della didattica e dell’alto profilo degli insegnanti che tengono i corsi, ti garantiscono una flessibilità unica.

In che modo? Grazie al servizio e-learning. In questo modo, non sarà obbligatorio frequentare fisicamente le lezioni, ma potrai seguirle online. Quando vuoi, da dove vuoi e senza alcuna limitazione al numero di visualizzazioni.

E non è tutto. In questo modo, infatti, non avrai la necessità di acquistare il materiale didattico relativo ai corsi. Perché questo sarà sempre a tua disposizione, all’interno della tua piattaforma e-learning personale.

Un metodo innovativo, che estende davvero a tutti l’opportunità di accedere al diritto allo studio. Senza rinunciare ad una formazione mirata e di qualità.

Utile, nel tuo caso, ad indirizzarti verso la strada giusta per capire come diventare assessore. E soprattutto a farlo come si deve.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali