informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare broker: studi e opportunità

Commenti disabilitati su Come diventare broker: studi e opportunità Studiare a Caserta

Vuoi sapere come diventare broker? Allora sei nel posto giusto.

In questo articolo, infatti, ti daremo innanzitutto tutte le informazioni su che cos’è un broker, quali studi fare e quali competenze è necessario avere per poter svolgere questa attività nei diversi possibili settori di competenza.

Un conto, infatti, è come diventare broker di borsa, un altro può essere lavorare nelle assicurazioni. Altro ancora come diventare broker immobiliare, se non addirittura alimentare. Insomma: le possibilità sono tante, diverse e variegate. Ma non preoccuparti, in queste righe cercheremo di mettere ordine.

L’argomento ti intriga e vuoi saperne di più? Allora prepara pure il tuo quaderno per appunti e non perdiamo tempo e cerchiamo subito la risposta alla domanda attorno alla quale ruota questo articolo: come diventare broker?

Tutto quello che devi sapere per diventare broker

Nei prossimi paragrafi andremo dunque a scoprire come diventare broker, andando ad approfondire tutte le sfaccettature di questa particolare professione di cui si parla molto, ma forse non si sa abbastanza. È giunto il momento di colmare questa lacuna, quindi non perdere il nostro approfondimento.

Che cos’è un broker

Per iniziare a capire come diventare broker, è necessario intenderci prima di tutto su alcuni concetti fondamentali: chi è il broker e cosa fa.

Per fare questo, ci viene incontro la definizione di brokeraggio fornita dal Dizionario di Economia e Finanza Treccani, che citiamo testualmente:

«Attività di mediazione compiuta dal broker, intermediario finanziario specializzato nell’offerta di servizi di ricerca delle controparti sui mercati dei beni e delle attività finanziarie (valute, titoli) in cambio di una commissione, calcolata rispetto al volume di affari conclusi per suo tramite.

L’attività del broker è regolamentata, in Italia, dal TUF, Testo Unico della Finanza (d. legisl. 58/1998), dove, all’art. 1, 5° comma, lett. b ed e, vengono elencate, tra i servizi e le attività di investimento, l’esecuzione, ricezione e trasmissione di ordini per conto dei clienti».

Riassumendo, la stessa fonte spiega che il broker è un “semplice” mediatore (o intermediario) che assumere a sé l’onere di ricercare una controparte idonea con la quale contrattare un prezzo per il suo cliente, pur senza garantire in proprio l’immediato soddisfacimento della proposta di transazione.

Entrando nello specifico, devi prima di tutto capire se quello che ti interessa è come diventare broker assicurativo piuttosto che finanziario, come diventare broker alimentare piuttosto che di altra natura ancora.

A tal proposito, ecco alcuni otto altri esempi di intermediario, oltre a quelli che abbiamo già citato fin qui:

  1. Agente di commercio;
  2. Broker assicurativo;
  3. Agente di cambio;
  4. Information broker;
  5. Mediatore creditizio;
  6. Agente immobiliare;
  7. Mediatore finanziario;
  8. Raccomandatario marittimo.

Fatte queste doverose premesse, andiamo adesso a scoprire come diventare broker concretamente. In particolare in ambito finanziario.

Come si diventa broker: studi consigliati

diventare assicuratoreSpecialmente in ambito finanziario, ma non solo, diventare broker senza laurea sarebbe impensabile. In quanto per svolgere un’attività del genere devono competenze e titoli idonei.

Se stai cercando un corso in grado di darti tutto ciò, devi sapere che Unicusano rappresenta un’eccellenza in questo settore. Questo perché può vantare l’erogazione in modalità e-learning di corsi di laurea adatti a questo scopo. Fra tutti, ne consigliamo due in particolare:

  1. Corso di laurea triennale in Economia aziendale e management;
  2. Corso di laurea in Giurisprudenza.

Entrambi, infatti, si compongono di materie e insegnamenti fondamentali per prepararsi a come diventare broker assicurativo o finanziario e poter svolgere tali attività.

Nel primo caso, ad esempio, facciamo riferimento a otto materie fondamentali in quest’ottica:

  1. Economia degli intermediari finanziari;
  2. Diritto commerciale;
  3. Economia e gestione delle imprese;
  4. Metodi per la valutazione finanziaria;
  5. Politica economica;
  6. Diritto privato;
  7. Statistica.
  8. Diritto pubblico;

Nel nostro corso di Giurisprudenza, invece, spiccano altri otto insegnamenti determinanti come:

  1. Diritto commerciale;
  2. Economia politica;
  3. Diritto privato;
  4. Politica economica;
  5. Diritto amministrativo I e II;
  6. Informatica;
  7. Diritto dell’Unione Europea;
  8. Diritto internazionale.

Per quanto riguarda i master, invece, l’ideale potrebbe è quello di I livello in Economia e diritto dei mercati finanziari. Ma questi sono solo alcuni dei nostri corsi che potrebbero fare al caso tuo. Per consultare la lista competa ti consigliamo di visitare l’area di didattica del sito Unicusano.it.

In questo modo, come diventare assicuratore o broker finanziario non avrà più alcun segreto per te.

Broker finanziario: stipendio

Ed eccoci quasi giunti alla conclusione della nostra guida su come diventare broker. Prima di chiudere, però, per completezza di informazione, dobbiamo affrontare un ultimo argomento circa questa professione. Ovvero: quanto guadagna un broker?

Senza voler essere veniali, bisogna ammettere che tra gli aspetti positivi nel diventare un broker di successo rientra certamente anche la gratificazione economica.

Alcuni autorevoli studi, infatti, rivelano che lo stipendio medio di un broker in Italia equivale a 111.708 € l’anno (57 € all’ora).  Ovvero 7 volte in più rispetto allo stipendio medio del Paese. In questo ambito, infatti, i bravi professionisti possono guadagnare a partire da 78.000 € fino a 156.000 € per i più esperti. Si tratta di una ricerca condotta analizzando decine di descrizioni di annunci di lavoro in questo ambito.

E con questo è davvero tutto, grazie per aver letto la nostra guida su come diventare broker.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali