informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come cambiare lavoro i passi da seguire

Commenti disabilitati su Come cambiare lavoro i passi da seguire Studiare a Caserta

Ti stai chiedendo come cambiare lavoro? Sei stufo della routine e stai cercando informazioni su come trovare un altro lavoro? Prenditi qualche minuto e segui i nostri consigli.

Il mondo del lavoro è in continua evoluzione e, guardando indietro, possiamo notare quanti lavori del passato oggi non esistano più. Le competenze non ancora diffuse tra tutti, potrebbero diventare indispensabili in poco tempo. Bisogna stare attenti a questi mutamenti repentini, imparare a controllarli e non smettere mai di formarsi e aggiornarsi secondo quanto richiesto dal mondo del lavoro. In questo articolo vogliamo darti qualche consiglio su quando sia il momento di cambiare lavoro e su quali siano gli errori da non commettere. Sei pronto? Partiamo. 

LEGGI ANCHE – Come diventare assicuratore: studi e opportunità.

“Lavora come se tutto dipendesse da te”

Questa frase di Sant’Ignazio di Loyola ci dà un messaggio importante: sii responsabile in ciò che fai. Quando prendi una decisione, assicurati che sia la migliore possibile, non essere avventato. E questo vale anche sul lavoro. 

Perché cambiare lavoro? Cause esterne

Ci sono differenti motivazioni che potrebbero spingerti a cambiare lavoro: potresti essere costretto a cercare altrove oppure potrebbe essere una tua esigenza a spingerti in questa direzione. Vediamo insieme i motivi più diffusi.

Ci sono differenti motivazioni che potrebbero spingerti a cambiare lavoro: potresti essere costretto a cercare altrove oppure potrebbe essere una tua esigenza a spingerti in questa direzione. Vediamo insieme i motivi più diffusi.

  • Ambiente di lavoro ostile. Può capitare di trovarsi a lavorare in un ambiente ostile, dove colleghi e colleghe non vanno d’accordo. Nei casi più gravi si possono ricevere insulti, subire dispetti, essere isolati e discriminati per la razza o il sesso: in questo caso si parla di mobbing orizzontale;
  • Diritti negati. Il datore di lavoro potrebbe tardare nel corrispondere lo stipendio o potrebbe approfittare del suo ruolo: in questo caso possiamo parlare di mobbing verticale;
  • Azienda o settore in crisi. Se ti rendi conto o hai avuto informazioni riguardanti una possibile crisi della tua azienda o del settore in cui operi, ti consigliamo di aprire gli occhi e guardarti intorno;
  • Reddito insoddisfacente. Una motivazione, e non da poco, può riguardare lo stipendio. Infatti, può accadere che sia troppo basso e dunque insufficiente per i tuoi progetti di vita, o semplicemente per il tuo valore e le tue skill.

LEGGI ANCHE – Domande da fare a fine colloquio: ecco cosa chiedere per togliere ogni dubbio.

Perché cambiare lavoro? Cause interne

Ma ci sono anche altre cause che possono spingerci a cercare un altro lavoro, cause che dipendono dalla nostra sfera personale. Vediamole insieme:

  • Carriera. Molto spesso capita che si voglia cambiare lavoro per crescere e/o occupare una posizione lavorativa più prestigiosa, avere più responsabilità o ricevere riconoscimenti e gratificazioni;
  • Reddito. Anche tra le cause interne troviamo il reddito, ovvero il salario maturato per il lavoro svolto. Ebbene sì, molte persone, di fronte ad un’opportunità di lavoro in cui pagano di più, anche se in un’altra azienda o settore, non si fanno problemi e sono pronti a cambiare. Fattore strettamente connesso alla qualità della vita. 
  • Qualità della vita. Quanto conta la qualità della vita? Meglio guadagnare di più o vivere meglio? Queste sono le domande che si pongono la maggior parte delle persone quando si trovano ad un bivio: vita attuale o cambio di prospettiva. Ed allora, quando si decide di cambiare lavoro, entra prepotentemente in gioco il fattore “qualità della vita”. Con questa intendiamo sia il vivere in maniera agiata, ma anche il benessere psico-fisico, la bontà e la salvaguardia della vita privata del lavoratore. Potresti decidere di cambiare lavoro per stare vicino a casa, oppure per trovare un impiego che ti permetta di fare anche altro, come coltivare le tue passioni;
  • Sfide. In altri casi, si desidera cambiare lavoro per uscire dagli schemi, dalla routine, per trovare nuovi stimoli, o semplicemente rimettersi in gioco, imparare cose nuove e mettersi alla prova sfruttando le competenze acquisite nel tempo.

LEGGI ANCHE – Contratto da stagista: caratteristiche e opportunità.

Cambiare lavoro: cosa fare e non 

Se hai fatto tutte le valutazioni del caso e hai deciso di cambiare lavoro, sappi che ci sono degli step che ti consigliamo di seguire prima del grande passo. Vediamoli insieme.   

Cosa fare:

  • Cerca un nuovo lavoro prima di abbandonare quello attuale. In questo modo non correrai il rischio di rimanere disoccupato per tanto tempo;
  • Formazione. Ricordati di incrementare le tue skill costantemente: in questo modo avrai la possibilità di affacciarti anche in settori non di tua competenza.
  • Fai rete. Aggiorna le tue informazioni, impegnati a creare profili social professionali e frequenta le pagine ed i gruppi in cui si parla di opportunità di lavoro, come ad esempio quelli che puoi trovare su LinkedIn;

Cosa non fare:

  • Non parlarne troppo. È sempre preferibile evitare di dire ai colleghi che si sta cercando una nuova occupazione, onde evitare malumori interni. Ricordati di avvisare il tuo capo con il giusto preavviso, così da dargli la possibilità di sostituirti. 
  • Rovinare i rapporti. Cerca di mantenere buoni rapporti con quella che fino a ieri è stata la tua casa. Non solo la vecchia azienda potrebbe essere fonte di referenze, ma serve anche a te per mantenere inalterata la tua reputazione

Questi sono i nostri consigli su come cambiare lavoro. Speriamo cquesta guida Unicusano possa esserti di aiuto. Ti auguriamo buona fortuna per il tuo nuovo lavoro. 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali