informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Dipendenza da cellulare: che cos’è e come trattarla

Commenti disabilitati su Dipendenza da cellulare: che cos’è e come trattarla Studiare a Caserta

Sai cos’è la dipendenza da cellulare e sei sicuro di non esserne vittima?

Grazie a questa guida, potrai scoprirlo una volta per tutte. In questo articolo, infatti, andremo a scoprire cos’è e come trattarla. Andando inoltre a vedere le differenze, ma anche i punti di convergenza con altre dipendenze. Come ad esempio la dipendenza da internet.

Anche perché al giorno d’oggi, nel bene o nel male, esistono app per fare qualsiasi cosa. Dalle app per leggere libri a quelle per lo studio. Sono strumenti straordinari che possono facilitarci la vita di tutti i giorni, l’importante è non farne un uso spropositato.

Andremo dunque ad analizzare sintomi, cause e conseguenze. Ma anche come cercare di risolvere l’eventuale problema. Inoltre, potrai anche fare un test per verificare se effettivamente il tuo utilizzo del telefono cellulare può essere considerato un abuso patologico, oppure no.

Curioso di scoprirlo? Allora non perdiamo tempo ed andiamo subito a sviscerare tutti questi singoli argomenti sulla dipendenza da cellulare. Buona lettura.

Dipendenza da smartphone: tutto ciò che devi sapere

Nei prossimi paragrafi, andremo dunque a definire cosa si intende per dipendenza da cellulare, smartphone o vecchio stampo che sia. Iniziando dal familiarizzare con la terminologia e le realtà che riguardano questo allarmante fenomeno. Un problema sempre più in crescita nella nostra società, specialmente se facciamo riferimento alla dipendenza da cellulare nei bambini o nei ragazzi. In questo caso può aiutarci molto la pedagogia. Ma cerchiamo adesso di scoprirne di più, andando per ordine.

Terminologia: dalla cellularomania alla o nomofobia

Ma è dipendenza da cellulare nome corretto per definire quanto detto finora? Oppure esistono dei termini più precisi e meno generici?

Due espressioni coniate recentemente dagli esperti sono nomofobia e cellularomania. Due definizioni utilizzate per descrivere una situazione nella quale emerge una difficoltà a staccarsi fisicamente dal telefono.

Questa è dovuta principalmente a esistono diversi disturbi, psicologici e non solo, che son causa dell’uso eccessivo dei dispositivi mobile. Uno di questi è l’ossessione di internet e dell’abuso nell’utilizzo dei social network.

Non caso, quando parla di dipendenza da cellulare Wikipedia lo fa all’interno della voce riguardante quella su internet. Due problemi strettamente legati tra loro, o se vogliamo “connessi” tanto per rimanere in tema.

«Anche in Italia la discussione e lo studio sulla dipendenza da Internet sono ampiamente avviati, e, dal primo lavoro pubblicato in Italia dallo psichiatra Tonino Cantelmi nel 1998 sono stati pubblicati numerosi studi, senza però arrivare ad una definizione che sia univoca e accettata da tutti. La diffusione degli smartphone e della connessione permanente negli ultimi anni ha generato, accanto ad una manifestazione patologica della dipendenza da Internet, anche più diffusa difficoltà a gestire la nuova condizione di “sovrabbondanza comunicativa permanente».

Ecco cosa si legge sulla nota enciclopedia del web, che cita come fonte “A dieta di media: comunicazione e qualità della vita” (a cura di Gui, Marco – Il mulino, 2014). Se non è un testo argomentativi sul cellulare e sul suo utilizzo poco ci manca.

Ma c’è da dire che il problema della dipendenza spesso permane anche per i cellulari non smartphone. Perlomeno per quei pochi che ancora esistono.

Sintomi da dipendenza

Quanto già accennato finora, rende la dipendenza da cellulare tema assai complesso. Ma siamo solo all’inizio.

Apriamo adesso un capitolo molto importante e concreto. Ovvero, dipendenza da cellulare: sintomi.

Il noto psicologo e psicoterapeuta Luciano Di Gregorio, ne ha identificati 10.

  1. Quando il possessore compie attraverso il proprio smartphone 300 azioni o più nell’arco della giornata. Come ad esempio invio sms, chiamate, utilizzo giochi, controlli della posta, lettura di notizie e via dicendo;
  2. Se dedica la maggior parte della sua giornata a tali attività;
  3. Quando si palese stordimento, mal di testa, vertigini, disorientamento;
  4. Se ha un atteggiamento affettivo esagerato verso il telefonino;
  5. Quando lo si usa per soddisfare bisogni affettivi relazionali;
  6. Se si cade nell’ansia o nel panico se lo abbiamo dimenticato o no c’è;
  7. Quando lo si usa per relazionarci con gli altri anche se sarebbe più facile farlo di persona;
  8. Se è usato per controllare una relazione affettiva;
  9. Quando lo si usa con l’alibi della sicurezza personale o dei figli;
  10. Se ci si sveglia di notte per controllare che non ci siano messaggi.

Ti riconosci il alcuni o in tutti questi comportamenti? Se si, forse è il caso che cominci ad allentare il tuo attaccamento al telefono. Potresti essere entrato nel vortice della dipendenza da cellulare. Nulla di grave, ma basta saperlo riconoscere e cambiare rotta.

Test per scoprire se dipendi dal tuo cellulare

Quanto già accennato finora, rende la dipendenza da cellulare tema assai complesso.

Quello che ti abbiamo proposto nel paragrafo precedente rappresenta un test. Alcune cose possono sembrare scontate, ma non lo sono. Ricorda, però, che il primo modo per risolvere un problema e riconoscerlo. Quindi sii sincero con te stesso o con te stessa. Non allarmarti se ti riconosci in quesi comportamenti, ma non prendere nemmeno sotto gamba la questione. Cambiare si può, se serve, basta volerlo.

E con questo si conclude la guida Unicusano. Abbiamo trattato tutti gli argomenti relativi alla dipenda da cellulare: test, sintomi, terminologia ecc. Non rimane dunque che salutarti e ringraziarti per l’attenzione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali