informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scrivere un racconto fantastico: come si fa

Commenti disabilitati su Scrivere un racconto fantastico: come si fa Studiare a Caserta

Ti piacerebbe scrivere un racconto fantastico e vorresti scoprire tutti i trucchi per inventare una storia di successo?

Bene, allora sei nel posto giusto. In questo articolo, infatti, ti forniremo tanti consigli utili per diventare un narratore coi fiocchi. Ma prima di tutto, ti consigliamo di dare un’occhiata al nostro precedente approfondimento sulle migliori saghe fantasy da leggere, perché da esse potrai sicuramente trarre tantissime idee per storie interessanti e spunti per scrivere un libro del genere.

Farsi ispirare dai grandi classici di questa speciale categoria letteraria, o dal racconto di avventura più in voga del momento, rappresenta certamente un ottimo punto di partenza per inventare una favola o qualcosa di creativo.

Discorso simile per quanto riguarda i romanzi distopici. Un genere, quest’ultimo, ricco di trame di storie apocalittiche e fantapolitiche, racconti di fantascienza inventati, ma con riferimenti anche a testi realistici.

Vuoi scoprirne di più? Allora andiamo subito a scoprire come scrivere un racconto fantastico in tutte le sue forme.

Racconti brevi e romanzi fantastici

Nei prossimi paragrafi andremo dunque a vedere come scrivere un racconto fantastico per bambini, ma anche per i più grandi. Perché quello di cui stiamo parlando è senza dubbio un genere letterario che non ha età. Siano essi racconti brevi o romanzi o addirittura delle saghe fantasy. Libera la fantasia, iniziamo subito. Buona lettura.

Romanzo fantasy: cos’è

Il racconto fantasy è uno dei più amati all’interno del genere fantastico e delle sue diverse sfaccettature.

La nascita e la diffusione delle prime vere storie fantasy è da ricercare tra il XIX e il XX secolo. Ma di cosa si tratta esattamente?

Citando la nostra guida sulle saghe fantasy, di cui abbiamo già accennato nel primo paragrafo di questo articolo, possiamo affermare che:

«Si tratta di un genere letterario incentrato sul mito e il sovrannaturale. In esso è costante il riferimento all’allegoria e alla metafora, il ricorso al simbolismo e al surreale. Il fantasy è dunque un luogo dove l’immaginazione può anche avere un filo conduttore, ma non confini. Un genere ancora in forte espansione, al punto da ispirare sempre più diverse saghe cinematografiche da vedere, anch’esse, se vuoi essere un vero culture della materia. E poi i fumetti, i giochi di ruolo e i video games a tema. Tutte emanazioni dello stesso grande universo fantasy».

Ricordati di questi elementi, perché non possono mancare nello scrivere un romanzo fantastico.

Il più delle volte, la prima cosa che pensa uno scrittore quando si vuole cimentare in questo genere, è scrivere un racconto fantastico scuola primaria, o comunque rivolto ai più giovani. Ma la creativà è una caratteristica molto florida e vivace sia nei bambini che nei ragazzi.

Spesso e volentieri le storie raccontate nei compitini di tanti giovani e giovanissimi, assomigliano ad un vero e proprio tema fantasy.

Ma non solo: non mancano racconti fantasy scritti da ragazzi che hanno avuto successo, anche tra i grandi. Enfant prodige che hanno avuto successo grazie a libri e idee nati da loro capacità visionaria e creativa.

Questo dimostra che non c’è poi così tanta differenza tra inventare un racconto fantastico scuola primaria o per adulti. Quanti altri genere letterari possono vantare altrettanto?

Come scrivere un racconto breve di fantasia

Il racconto cosiddetto “breve” si differenzia dal romanzo perché è di minore estensione e spesso sono inseriti all’interno di una serie più lunga. ampio di una novella. Ma attenzione: generalmente ognuno di essi costituisce una storia completa, anche se collegata alle altre della stessa collana.

Fatte tutte queste doverose premesse, andiamo adesso a vedere come scrivere nel merito un racconto fantastico. Per iniziare, devi sapere che esistono sono alcune frasi standard da cui puoi partire e trarre ispirazione. Eccone alcune:

  1. Spesso per introdurre un racconto, specialmente se si tratta di favole brevi ma non solo, si esordisce utilizzando la nota formula “C’era una volta…”. Paroline magiche che certamente conoscerai e che ti ricorderanno la tua infanzia. Sembra banale, invece non lo è. Anzi, cattura subito l’attenzione del lettore e ne stimola la curiosità come poco altro riesce a fare. Puoi utilizzarla così com’è o reinterpretarla e adattarla alle tue esigenze stilistiche, ma intanto è un bel punto di partenza;
  2. Il passo successivo è quello di introdurre luoghi e personaggi della tua storia fantastica inventata. Per dare una scossa al racconto puoi utilizzare un’altra formula strategica come “finché un giorno…”. Così facendo prepari il lettore al colpo di scena che traccia il corso della narrazione o lo cambia repentinamente.
  3. A questo punto puoi giocarti la carta del “fino a quando…” o “a causa di ciò…” al fine di indicare cosa fa il protagonista per raggiungere l’obiettivo attorno al quale si sviluppa il racconto;
  4. Il finale? Ma è ovvio: “…e vissero tutti felici e contenti”.

E con questo si conclude la guida Unicusano su come si fa a scrivere un racconto fantastico. Il resto dipende alla tua creatività e capacità di adattare le indicazioni che ti abbiamo fornito alla tua idea e al tuo stile.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali