informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scrivere la tesi compilativa in un mese? Ecco come prepararti in anticipo

Commenti disabilitati su Scrivere la tesi compilativa in un mese? Ecco come prepararti in anticipo Studiare a Caserta

Hai bisogno di scrivere la tesi compilativa in un mese?

Iniziamo con il sottolineare che ridursi all’ultimo momento, non è certamente consigliabile. Se però a causa di necessità o sopraggiunte problematiche contingenti, o non dipese dalla tua volta, ti trovi difronte all’urgenza di dover finire la tesi in un mese, non preoccuparti. Perché in questo articolo cercheremo comunque di aiutarti, attraverso consigli utili su come prepararti a tale eventualità ed accorciare i tempi di stesura del tuo elaborato finale di laurea. In poche parole: come raggiungere il tuo obiettivo.

La sfida è sicuramente difficile, ma non impossibile. D’altronde occorrerebbe più tempo per una tesi sperimentale in Giurisprudenza in diritti del lavoratore. Anche perché, come rivelato da una autorevole ricerca, per alcune facoltà, soprattutto lauree specialistiche, sono necessari tra i sei e gli otto mesi di tempo per finalizzare una tesi come si deve. Leggermente più semplice potrebbe essere scrivere una tesi triennale in un mese, ma più o meno le tempestiche si equivalgono.

Fatte queste brevi, ma doverose premesse e svelato quanto tempo per scrivere la tesi compilativa serve solitamente, non perdiamo minuti preziosi ed entriamo subito nel merito dell’argomento trattato.

Tesi in un mese: ecco come fare

A questo punto, a partire dai paragrafi che seguono, cercheremo quindi di spiegare bene cos’è una tesi compilativa e comprendere come fare a velocizzare le operazioni di ricerca, studio e stesura dell’elaborato conclusivo che ti avvicinano alla laurea. Il tutto al fine di riuscire a scrivere la tesi compilativa in un mese. Buona lettura.

Tesi compilativa: esempi

Prima di vedere come scrivere la tesi in un mese, facciamo un piccolo ma doveroso passo indietro per partire dalle basi ed intenderci sulla differenza che intercorre tra una tesi sperimentale (o di ricerca) e una compilativa. Quest’ultima è particolarmente oggetto della nostra attenzione.

La tesi compilativa altro non è che una tesi ordinaria. Per realizzarla, basta seguire i seguenti passaggi:

  1.  Scegliere un argomento, delle teorie o delle strategie esistenti ed approfondirle;
  2. Individuare delle fonti autorevoli ed attendibili sull’argomento prescelto;
  3. Rielaborare, valorizzare o applicare a casi specifici le suddette teorie o strategie.

Ad esempio, una tesi compilativa psicologia potrebbe trattare e rielaborare concetti come:

“Modelli eziopatogenetici e di intervento nei disturbi alimentari infantili”

“Strategie per promuovere l’apprendimento significativo nelle scuole: le mappe concettuali e le mappe mentali a confronto”

“Basi psicofisiologiche e neuroanatomiche dei processi decisionali”

Oppure, una tesi compilativa farmacia potrebbe prendere come spunto questi titoli:

“Aspetti molecolari della regolazione combinata del metabolismo energetico e della funzione riproduttiva”

“Tecniche attualmente in uso per la diagnosi di allergia alimentare e celiachia”

“Meccanismi neuroendocrini nella progressione dei tumori ormono-dipendenti”

Giusto per fare degli esempi dai quali prendere spunto. Per prepararti in anticipo e riuscire poi a scrivere la tesi compilativa in un mese, le prime cose da fare sono scegliere l’argomento, meglio ancora se è uno che conosci già bene, e magari il professore al quale chiedere la tesi. Contestualmente, cerca anche di individuare quanto prima le fonti sulle quali basarti. Prediligi quelle più facilmente accessibili, visto che hai poco tempo a disposizione. Fatto questo, tutto sarà più semplice e il resto verrà da se.

Tesi sperimentale: tempi più lunghi

Diversamente dal quella compilativa, per dare vita ad una tesi sperimentale dovresti avere il tempo di fare sopralluoghi, incontri, visite o stage in strutture, enti o aziende di settore.

Non a caso Umberto Eco nel suo saggio Come si fa una tesi di laurea” sostiene che:

«Una tesi di ricerca è sempre più lunga e faticosa e impegnativa. Una tesi di compilazione può anche essere lunga e faticosa, ma di solito può essere fatta in minor tempo e con minor rischio».

Per scrivere una tesi sperimentale infatti, occorre svolgere in prima persona l’analisi e l’illustrazione di una situazione nuova.

Tesi compilativa: tempo per richiederla

Quanto detto finora, specialmente nella parte finale del paragrafo precedente, in merito a come riuscire a scrivere la tesi compilativa in un mese, deve tener conto anche delle tempistiche legate alla richiesta e all’assegnazione della stessa.

La tesi va infatti richiesta al titolare della cattedra dell’insegnamento prescelto, in modo da concordare l’argomento. Questo può avvenire generalmente via e-mail, anche senza un numero minimo di esami sostenuti.

Per quanto riguarda e tempistiche Unicusano, dal sostenimento dell’ultimo esame del corso di laurea all’inizio della sessione di laurea prescelta devono trascorrere:

  1. Minimo 30 giorni per gli esami svolti in forma scritta fuori sede;
  2. Almeno 20 giorni per gli esami sostenuti in forma orale presso la sede di Roma.

La Facoltà prevede lo svolgimento di tre sessioni di laurea per ogni anno accademico. Come da calendario pubblicato sul sito dell’Ateneo. La materia oggetto della tesi può essere scelta fra tutte le discipline del proprio curriculum / piano di studi.

E con questo, almeno per il momento è tutto. La nostra guida su come scrivere la tesi compilativa in un mese è completa. Ricorda che, in linea di massima, per realizzare una tesi di questo tipo occorre leggere i testi di riferimento per la tematica scelta, riassumerli, studiarli e comprenderli. In questo contesto il margine di manovra dal punto di vista dell’originalità può essere più limitato. Questo perché il tuo lavoro è incentrato sul dimostrare di conoscere qualcosa che è già stato dimostrato o comunque trattato.

Al contrario, invece, lo svolgimento di una tesi sperimentale richiede l’elaborazione di nuove teorie o la rielaborazione di dati già trattati, ma sotto differenti prospettive, in modo da ottenere nuovi risultati.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali