informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Che cos’è la letteratura: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Che cos’è la letteratura: quello che devi sapere Studiare a Caserta

Fino a che punto sai che cos’è la letteratura? Quanto ne conosci la storia, le forme e i generi?

Se sei un’appassionato di quest’arte, un autore, o semplicemente una persona a cui piace leggere grandi opere letterarie, sei nel posto giusto. In questo articolo, infatti, cercheremo di definire fino in fondo il concetto di letteratura, analizzandolo in tutte le sue sfaccettature.

Scopriremo cos’è e a cosa serve, partendo dalla definizione di letteratura, attraversandone la storia, conoscendo gli autori più significativi e i generi letterari più importanti. Dall’epica e la narrativa al dramma, dai racconti fantastici e le saghe fantasy ai romanzi distopici e i libri gialli.

Tutto questo e molto altro fa parte della letteratura. Ma per scoprirne di più, non perdere i prossimi paragrafi di questo articolo. Che cos’è la letteratura non avrà più misteri per te.

Letteratura: l’arte di leggere e scrivere

Nei prossimi paragrafi andremo dunque a scoprire e a definire cos’è la letteratura e a cosa serve. Vuoi saperne di più? Allora non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito. Buona lettura.

Letteratura: definizione

Per comprendere fino in fondo che cos’è la letteratura, non si può non partire dall’esatto significato del termine. Per fare ciò, facciamo riferimento alla definizione data dall’enciclopedia Treccani, che rivela:

«Designò in origine l’arte di leggere e scrivere, la conoscenza delle lettere (litterae), intese inizialmente come epistole, poi come tutto ciò che è stato affidato alla scrittura, e divenne, quindi sinonimo di cultura, di umana dottrina.

Questo significato è, in tutte le lingue che dalla latina hanno derivato la parola letteratura, ormai inconsueto: per letteratura oggi generalmente s’intende innanzi tutto l’insieme delle opere affidate alla scrittura, nelle quali il momento estetico predomini o sia più o meno presente;

Secondariamente l’insieme degli scritti relativi a un oggetto determinato (la “letteratura dell’argomento”). Se questa seconda, ristretta, accezione non soffre oscillazioni, altrettanto non si può dire della prima: a seconda dei concetti che determinano il giudizio, sarà fatta a storici, filosofi, scienziati, oratori, ecc., una parte più o meno cospicua nella “letteratura”, la quale perciò in parte coinciderà, in parte uscirà fuori della storia dell’arte».

Mentre con riguardo al contenuto, alla forma, al carattere e ai fini che si propone, il vocabolario Treccani aggiunge che si tratta anche dell’attività intellettuale volta allo studio o all’analisi di opere che rientrano tra queste categorie:

  1. Letteratura in prosa e in versi
  2. Narrativa, poetica, didascalica
  3. Letteratura popolare, popolareggiante, patriottica;
  4. Letteratura impegnata o disimpegnata.

A cosa serve la letteratura

Altro spunto interessante lo fornisce Wikipedia. La nota enciclopedia online, citando però Ferroni (1995, cit., p. VII.), specifica che:

«La letteratura di una certa lingua è l’insieme delle opere scritte e pervenute fino al presente. Tale definizione non è affatto scontata e va precisata sotto diversi aspetti. Da un lato, le definizioni che sono state date del termine, sensibili a diverse ideologie, visioni del mondo, sensibilità politiche o filosofiche, sono diverse tra loro e spesso assolutamente inconciliabili».

Questo perché che cos’è la letteratura se non il modo migliore per istruire l’immaginazione, imparare a comunicare e a sognare?

Esistenzialismo letteratura

Una delle più affascinanti, variegate e non omogenee correnti letterarie della storia è senza dubbio quella esistenzialista. Citando il filosofo, storico della filosofia e accademico Nicola Abbagnato, possiamo dire che essa afferma il valore intrinseco dell’esistenza umana individuale e collettiva come nucleo di riflessione, in opposizione ad altre correnti e principi filosofici.

I più grandi autori esistenzialisti di sempre, universalmente riconosciuti, sono stati quattro:

  1. Franz Kafka;
  2. Fëdor Michajlovič Dostoevskij;
  3. Emil Cioran;
  4. Albert Camus.

A questi, però, potremmo probabilmente aggiungere anche Carlo Cassola, Primo Levi  e Carmelo Bene. Tre italiani che ci forniscono il migliore degli assist per passare al paragrafo successivo di questa nostra guida su che cos’è la letteratura.

La letteratura italiana: le origini e sviluppo

La storia italiana è senza ombra di dubbio una di quelle che ha dato più lustro alla letteratura. Se non la sua prima Patria.

Se vogliamo dunque raccontare e capire davvero che cos’è la letteratura, non possiamo non riservarle un focus dedicato con tutto lo spazio che merita.

Provando a tracciare una linea del tempo, nel corso della storia italiana, possiamo dire che le sue origini sono da ricercare nel periodo romano e nella letteratura latina. Esse hanno attraversato la letteratura medievale e quelle in volgare dell’Italia comunale.

Il 1200 è stato per l’Italia inizialmente il secolo della letteratura allegorica, didattica, morale e religiosa. In quest’ultimo caso, possiamo citare ad esempio le laude e la letteratura francescana. E poi la lirica toscana e la poesia settentrionale, popolare e giullaresca, la scuola siciliana, il Dolce Stil Novo, la prosa e la poesia comico-realistica.

Nel Trecento, invece, hanno vissuto o composto le loro opere autori come Dante Alighieri, Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio. Mentre Quattrocento è stato, invece, il secolo dell’Umanesimo, della letteratura in volgare prima e rinascimentale poi. Il Cinquecento è stato segnato da Niccolò Machiavelli, Ludovico Ariosto, Torquato Tasso. E poi la prosa storica, filosofica e scientifica.

La poesia barocca, la prosa in lingua e dialettale, la commedia dell’arte teatrale, sono invece prerogative del 1600. Un secolo che ha avuto, tra gli altri, anche un certo Galileo Galilei. Per sfociare poi nel ‘700 con l’Arcadia, l’illuminismo italiano, Carlo Goldoni, Giuseppe Parini, Vittorio Alfieri e Ug Foscolo.

Letteratura contemporanea italiana

Ed eccoci giunti alle ultime due tappe della guida Unicusano su che cos’è la letteratura.

Siamo giunti al 1800 italiano, tra il Romanticismo e la letteratura dialettale di Gioachino Belli e quella patriottica di Ippolito Nievo. Da Alessandro Manzoni a Giacomo Leopardi, dal movimento degli “scapigliati” al Verismo, da Giovanni Verga a Giosuè Carducci. E poi il Decadentismo, Giovani Pascoli, Gabriele D’Annunzio e via verso il ‘900 tra Crepuscolarismo, Futurismo, Ermetismo, fino a Pasolini e i giorni nostri.

E con questo è tutto, adesso sai certamente cos’è la letteratura per te, per definizione e nella storia.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali